Che lingua vuoi imparare?Right Arrow
Impara una lingua quando e dove vuoi

Cosa abbiamo imparato rispondendo alla guerra in Ucraina

Dopo mesi dal lancio dei corsi per gli studenti ucraini, Babbel riflette sull’importanza della lingua nei periodi di crisi.
Cosa abbiamo imparato rispondendo alla guerra in Ucraina

La Russia ha iniziato una guerra di aggressione contro l’Ucraina il 24 febbraio 2022. Nei mesi successivi, più di sette milioni di persone sono fuggite dall’Ucraina verso altri Paesi. Per accogliere questo flusso di massa, in tutta Europa le persone si sono attivate per rendere il processo di reinsediamento un po’ più facile. Volontari hanno fatto accoglienza nelle stazioni ferroviarie, hanno ospitato persone provenienti dall’Ucraina nelle loro case e hanno fornito sostegno in molti altri modi.

Noi di Babbel abbiamo riflettuto su come potevamo aiutare le persone che si trovavano in luoghi nuovi e circondate da diverse lingue. Nel giro di pochi mesi, siamo stati la prima app per l’apprendimento delle lingue a lanciare corsi completi per madrelingua ucraini, offrendo corsi di inglese, tedesco e polacco gratuitamente. In totale, tendendo in considerazione tutte e tre le lingue, abbiamo lanciato centinaia di lezioni. In risposta, quasi 400.000 madrelingua ucraini si sono registrati per imparare una lingua.

video thumbnail

Coordinare la risposta di Babbel alla guerra in Ucraina

A qualche mese di distanza dal lancio dell’iniziativa, vogliamo riflettere su quanto abbiamo imparato in merito al ruolo cruciale della lingua sia in occasione di eventi di portata mondiale sia nella vita quotidiana delle persone comuni. L’importanza dell’apprendimento delle lingue è da sempre il fulcro della nostra missione, ma questi ultimi mesi ne hanno accentuato ulteriormente l’importanza.

“In qualità di azienda che si occupa di apprendimento delle lingue, possiamo fare la differenza”, ha affermato Christian Hillemeyer, direttore della comunicazione da Babbel. “Imparare una lingua, oggi, è davvero facile. Forse più facile che mai, ma è anche un proposito difficile da attuare. Non succede da un giorno all’altro. Ogni persona ha i propri sogni e obiettivi, per quanto riguarda l’apprendimento delle lingue, tipo ‘andare in vacanza in Spagna’. Ma può anche essere ‘cambiare lavoro’ o ‘migliorare la propria vita’ e può quindi riguardare anche le cose davvero essenziali”.

Per attivarsi sulla crisi seguita alla guerra in Ucraina è stato necessario radunare diverse persone che lavorano da Babbel, così da coordinare una risposta. Alcune settimane dopo la diffusione delle notizie riguardanti l’Ucraina, il CEO di Babbel, Arne Schepker, ha pubblicato una lettera in cui descriveva i nostri progetti per la creazione di risorse rivolte ai madrelingua ucraini. Redattori, traduttori, project manager, ingegneri e tanti altri si sono tutti dati da fare per creare risorse e lezioni in ucraino in modo rapido ed efficiente.

I nostri sforzi iniziali si sono concentrati sulla pubblicazione di guide rapide sulla Rivista di Babbel, pensate appositamente per le rifugiate e i rifugiati provenienti dall’Ucraina e diretti verso la Germania e la Polonia. Questi articoli contengono nozioni di base di tedesco e polacco e link a risorse utili alle persone in cerca di aiuto. Abbiamo anche pubblicato guide alle nozioni base della lingua ucraina in inglese, tedesco, polacco e francese, per aiutare i volontari e tutte le persone che volevano comunicare con le rifugiate e i rifugiati in arrivo.

Le guide pubblicate sulla rivista sono state un buon punto di partenza, ma la vera sfida è stata creare lezioni pienamente funzionali rivolte ai madrelingua ucraini. Oltre alle difficoltà dal punto di vista tecnico, avevamo anche più di 10.000 parole ed espressioni da tradurre nel giro di poche settimane. Grazie all’aiuto di moltissimi dipendenti di Babbel e di madrelingua ucraini, siamo stati la prima app a lanciare corsi di lingua completi per madrelingua ucraini che volevano imparare il tedesco, il polacco o l’inglese. Questi corsi sono stati creati tenendo a mente le specifiche circostanze del 2022.

“I corsi che abbiamo adattato per i rifugiati ucraini offrono competenze comunicative di base. Come dire ‘ciao’, come chiedere aiuto e orientarsi all’interno di una stazione”, ha detto Piotr Wojsznis, uno dei Content manager di Babbel. “Potrebbe sembrare facile. Ma spesso è il primo passo il più difficile da compiere”.

Dopo aver reso il corso in ucraino disponibile al pubblico, era necessario anche trovare chi ci aiutasse a spargere la voce. Ancora una volta, abbiamo contato sulla disponibilità e la generosità delle persone per far circolare questa informazione. Babbel ha collaborato con una serie di organizzazioni per il supporto delle rifugiate e dei rifugiati, che hanno consentito ai madrelingua ucraini di entrare in contatto con le nostre lezioni gratuite.

Nei mesi successivi al lancio dei nostri corsi all’interno dell’app, abbiamo continuato a cercare modi per supportare l’Ucraina. Nel nostro ufficio di Berlino, abbiamo ceduto spazio a PLAST, un gruppo che aiuta le rifugiate e i rifugiati provenienti dall’Ucraina a trovare una sistemazione in città. Oltre ai corsi nell’app, il Tubman Network ha aiutato ad offrire gratuitamente le lezioni di Babbel Live (ossia corsi tenuti online da insegnanti di lingue), a persone africane, appartenenti alla diaspora africana e ad altre persone nere, indigene e di colore fuggite dall’Ucraina.

Schepker ha descritto la nostra missione in maniera semplice, dicendo: “Un numero maggiore di rifugiati di guerra provenienti dall’Ucraina è realmente in grado di costruirsi una nuova vita nei paesi in cui si trova. Che sia imparando l’inglese, il tedesco o il polacco, ci sono milioni di casi al momento in Europa e stiamo cercando di offrire aiuto”.

Capire l’impatto di Babbel nel mondo reale

Abbiamo iniziato questa missione con grandi speranze, ma non sapevamo bene quale sarebbe stata la risposta. Dopo tutto, le barriere linguistiche sono solo una delle numerose difficoltà che si presentano quando si sradica la propria vita alla ricerca di un luogo sicuro.

Finora, abbiamo visto centinaia di migliaia di iscrizioni da parte di madrelingua ucraini. Non solo: le persone che stanno usufruendo di queste lezioni utilizzano l’app tanto quanto l’utenza media di Babbel, dimostrando impegno nell’imparare una nuova lingua, nonostante le difficoltà che potrebbero trovarsi ad affrontare.

La migliore risposta che abbiamo avuto, in ogni caso, non si quantifica in cifre, ma consiste piuttosto nei ringraziamenti per i corsi di lingue inviati dalle persone. È diventato evidente quanto la lingua sia stata centrale nell’esperienza del trasferimento. La lingua è importante per affrontare la burocrazia, per trovare una comunità di riferimento e per tanto altro, in special modo se consideriamo che molti ucraini si sono ritrovati al di fuori del proprio Paese per la prima volta.

Una rifugiata ucraina che si è ritrovata in Europa ha detto che, inizialmente, ha fatto fatica a trovare un sistema per l’apprendimento linguistico che funzionasse davvero.

“Non avevo mai studiato il tedesco prima, ma alla fine sono capitata in Germania. Volevo iniziare a capire ciò che  mi veniva detto e a parlare almeno a un livello base. Mi sono iscritta a corsi di integrazione, ma sarebbero iniziati dopo tre mesi e per me era necessario iniziare a comunicare fin da sùbito. Ho cominciato ad andare a corsi di volontari, ma per qualche motivo sentivo che non stavo facendo progressi. Ho cercato su Internet e ho trovato il sito di Babbel. L’app ha funzionato. Mi è piaciuta molto e, meglio ancora, ho iniziato a capire la lingua.”

Un’altra rifugiata anonima si è ritrovata in Polonia. Anche per lei è stato difficile imparare la lingua del nuovo paese. I primi tentativi di imparare il polacco sono stati scoraggianti, ma si è poi impegnata nell’apprendimento della lingua, nella speranza di riuscire a trovare un impiego a tempo a pieno per mantenere se stessa e sua figlia.

“Ho iniziato a completare lezioni tutti i giorni, a volte la mattina e a volte la sera, usando il sito web per lo studio. Il mio umore è migliorato, perché Babbel ha un’interfaccia molto allegra. Facile, semplice, bella da vedere e, fin dalle prime lezioni, sono riuscita a spiegare ciò di cui avevo bisogno in polacco, anche se non conoscevo il termine specifico per indicare una cosa in negozio o per strada. Così mi sono rilassata e ho iniziato a fidarmi di più del vostro metodo. I risultati mi hanno piacevolmente colpito: anche se ho un livello da principiante, la gente mi dice che parlo bene.”

Tutte le storie che abbiamo sentito ci hanno dimostrato quanto la lingua sia stata importante per le rifugiate e i rifugiati ucraini che tentavano di iniziare una nuova vita in diversi luoghi in giro per l’Europa. L’apprendimento delle lingue è molto più di un semplice hobby: è parte integrante del processo di adattamento a circostanze estreme.

“Se decidiamo di stare in Germania, anche se si tratta di un’opzione temporanea, abbiamo comunque bisogno di imparare la lingua per trovare un lavoro, fare nuove amicizie, prendere un appartamento in affitto, andare dal dottore e così via”, ha detto Yulia, un’istruttrice di danza che è stata costretta a fuggire da casa sua in Ucraina verso la Germania. “Nella vita di tutti i giorni, ci si confronta sempre con la lingua”.

Con una migrazione di tali proporzioni in corso, il lavoro non è di certo finito. Sappiamo quanto centrale può essere il ruolo della lingua nell’offrire conforto, connessione e supporto, sia in un periodo di crisi sia in tempo di pace. Babbel continuerà ad offrire lezioni gratuite a tutti i madrelingua ucraini che ne avranno bisogno e a cercare nuovi modi di offrire il proprio aiuto.

Conosci persone che vengono dall’Ucraina e vorrebbero imparare il tedesco, il polacco o l’inglese?
Thomas Moore Devlin
Thomas è nato in una periferia del Massachusetts e si è trasferito a New York per frequentare l'università. Ha studiato Letteratura inglese e Linguistica alla New York University ma ha trascorso la maggior parte del tempo a lavorare al giornale scolastico. Nel suo tempo libero, ama leggere e arrabbiarsi su Twitter.
Thomas è nato in una periferia del Massachusetts e si è trasferito a New York per frequentare l'università. Ha studiato Letteratura inglese e Linguistica alla New York University ma ha trascorso la maggior parte del tempo a lavorare al giornale scolastico. Nel suo tempo libero, ama leggere e arrabbiarsi su Twitter.

Articoli che ti potrebbero interessare

Le differenze linguistiche tra il russo e l’ucraino

Le differenze linguistiche tra il russo e l’ucraino

Due lingue appartenenti alla stessa famiglia linguistica, divise da una grande fetta di storia.
In che modo Babbel può arricchire corsi di lingua tradizionali e favorire l’integrazione dei migranti

In che modo Babbel può arricchire corsi di lingua tradizionali e favorire l’integrazione dei migranti

Zach lavora nel team che si occupa di Comunicazione a Babbel ed è responsabile dei progetti di ricerca insieme ad esperti di linguistica applicata e altri accademici di diverse discipline. Qui descrive un recente caso di studio condotto con un gruppo di ricercatori dell’Università di Göteborg in Svezia. I risultati dimostrano in che modo l’uso […]
La comunicazione interculturale. Aspetti e particolarità del dialogo tra più culture

La comunicazione interculturale. Aspetti e particolarità del dialogo tra più culture

La comunicazione tra persone di culture differenti non è sempre semplice. È una questione di parole, ma anche di gesti, sonorità, perfino abbigliamento. E il malinteso è dietro l’angolo.